ALBERTO BUCCI

 

 

Condividi

HOME PAGE | HOME PAGE DEI PERSONAGGI


Alberto Bucci è nato a Bologna il 25 aprile 1948. La sua carriera inizia ad appena 25 anni come allenatore in serie A (1973/74) sulla panchina della Fortitudo Bologna al posto di Giuseppe Guerrieri.

Bucci ritorna ad alti livelli nella stagione 1978/79 ed allena il Basket Rimini in serie A2. Dopo aver conquistato una comoda salvezza viene messo sotto contratto dal Fabriano Basket. A Fabriano allena dal 1979 al 1983. Con i marchegiani conquista la storica promozione in Serie A1 nella stagione 1981/82. Nella stagione successiva conquista un'altra tranquilla salvezza. Le grandi prestazioni a Fabriano convincono la Virtus Bologna ad ingaggiarlo.

All'esordio sulla panchina bianconera bolognese, su cui rimane per due campionati (1983-1985), conquista subito lo scudetto (sconfiggendo in finale la Simac Milano) e la Coppa Italia. Confermato nel campionato successivo non riesce a ripetere le brillanti prestazione della stagione precedente e conquista solo il settimo posto in campionato.

Viene quindi a Livorno (città a cui rimane molto legato), nella Libertas sponsorizzata Cortan. Livorno viene da una stagione deludente che ha avuto il suo epilogo con la retrocessione dalla serie A1 alla serie A2. Bucci è chiamato in città per risollevare la società e riportarla immediatamente nella massima serie. L'obiettivo viene raggiunto immediatamente con la conquista della prima posizione in campionato e l'automatico accesso ai play-off di serie A1. A Livorno rimane fino al 1989 anno della storica finale scudetto contro la Philips Milano. Per questo motivo rimane nei cuori dei livornesi di sponda giallo-blù.

L'anno successio però lascia Livorno (da vincente) e raggiunge Verona per allenare la formazione della Glaxo. A Verona ci rimane per 2 anni (1989-1991) vincendo una Coppa Italia ed affrontando proprio in semifinale al sua Libertas Livorno.

Nel 1991 approda a Pesaro ad allenare la Scavolini. Anche a Pesaro ci rimane per altre due stagioni dal 1991 al 1993 e lascia anche qui la sua impronta. Raggiunge la finale play-off, persa contro la Benetton Treviso e vince la Coppa Italia.

Nel 1993 ritorna alla Virtus Bologna fino al 1997. Vince ben 4 trofei: 2 Scudetti (1993/94 e 1994/95), 1 Coppa Italia (1997), 1 SuperCoppa Italiana (1996).

La sua carriera la conclude a Fabriano dove ritorna di nuovo nel 1998 fino a 2000 e dove conquista due salvezze in serie A2.

 

 

HOME PAGE | HOME PAGE DEI PERSONAGGI