1990/91

 

 

Condividi

 

Serie A1 e Serie A2

La Libertas Livorno quest'anno, senza sponsor,  partecipa al campionato di Serie A1 mentre la Pallacanestro Livorno,  sponsorizzata dalla Tombolini, partecipa al campionato di serie A2

 

LIBERTAS LIVORNO PALLACANESTRO LIVORNO TOMBOLINI                               

 

PRESIDENTE: GILBERTO BORIS

ALLENATORE: MAURO DI VINCENZO

 

BINION JOE

BONSIGNORI NICOLA

CARERA FLAVIO

CECCARINI GIANLUCA

DONATI LUIGI

FANTOZZI ALESSANDRO

FORTI ANDREA

JONES ANTHONY

MAGUOLO STEFANO

TEDESCHI RICCARDO

TONUT ALBERTO

PLANSKY MARK

 

PRESIDENTE: MARIO VIGONI

ALLENATORE: MARIO DE SISTI (poi sostituito da Edoardo Rusconi)

 

ADDISON RAFFAEL

BONACCORSI CLAUDIO

COPPARI UMBERTO

DIANA GIOVANNI

GIANNINI TOMMASO

PICOZZI FRANCO

RAUBER ALESSANDRO

ROLLE ELVIS

SONAGLIA LEONARDO

TOSI STEFANO

 


Andata  LIBERTAS   Ritorno LIBERTAS  

LIBERTAS - CLEAR

KNORR - LIBERTAS

LIBERTAS - MESSAGGERO

SIDIS - LIBERTAS

LIBERTAS - BENETTON

PANASONIC - LIBERTAS

RANGER - LIBERTAS

LIBERTAS - PHILIPS

AUXILIUM - LIBERTAS

LIBERTAS - PHONOLA

STEFANEL - LIBERTAS

LIBERTAS - SCAVOLINI

LIBERTAS - PALL. FIRENZE

FILANTO - LIBERTAS

LIBERTAS - FILODORO

80-65

70-80

84-92

79-83

85-92

84-92

115-93

94-92

94-97

102-89

94-86

97-91

98-95

104-109

102-101

CLEAR - LIBERTAS

LIBERTAS - KNORR

MESSAGERO - LIBERTAS

LIBERTAS - SIDIS

BENETTON - LIBERTAS

LIBERTAS - PANASONIC

LIBERTAS - RANGER

PHILIPS - LIBERTAS

LIBERTAS - AUXILIUM

PHONOLA - LIBERTAS

LIBERTAS - STEFANEL

SCAVOLINI - LIBERTAS

PALL. FIRENZE - LIBERTAS

LIBERTAS - FILANTO

FILODORO - LIBERTAS

92-86

80-89

95-86

106-96 ts

83-84

88-85

106-90

108-90

114-104

78-73

91-81

118-100

92-82

82-88

96-78

 

Andata  PIELLE   Ritorno PIELLE  

BILLY - TOMBOLINI

TOMBOLINI - LOTUS

B. SARDEGNA - TOMBOLINI

TOMBOLINI - B. MESSINA

EMMEZETA - TOMBOLINI

TOMBOLINI - REYER

TOMBOLINI - TURBOAIR

APRIMATIC - TOMBOLINI

TOMBOLINI - TICINO

KLEENEX - TOMBOLINI

TOMBOLINI - TELEMARKET

GLAXO - TOMBOLINI

TEOREMA - TOMBOLINI

TOMBOLINI - FERNET BRANCA

CREMONA - TOMBOLINI

86-81

85-90

111-94

81-86

87-84

112-87

93-86

98-91

74-87

78-94

79-78

88-92

88-81

108-109

81-95

TOMBOLINI - BILLY

LOTUS - TOMBOLINI

TOMBOLINI - B. SARDEGNA

B. MESSINA - TOMBOLINI

TOMBOLINI - EMMEZETA

REYER - TOMBOLINI

TURBOAIR - TOMBOLINI

TOMBOLINI - APRIMATIC

TICINO - TOMBOLINI

TOMBOLINI - KLEENEX

TELEMARKET - TOMBOLINI

TOMBOLINI - GLAXO

TOMBOLINI - TEOREMA

FERNET BRANCA - TOMBOLINI

TOMBOLINI - CREMONA

95-82

97-89

84-83 ts

73-85

75-76

88-95

78-94

91-71

78-77

119-89

77-79

91-100

92-87

107-104

110-92

 

CLASSIFICA SERIE A1

CLASSIFICA SERIE A2

PHILIPS MILANO

PHONOLA CASERTA

KNORR BOLOGNA

MESSAGGERO ROMA

BENETTON TREVISO

CLEAR CANTU'

SCAVOLINI PESARO

STEFANEL TRIESTE

LIBERTAS LIVORNO

AUXILIUM TORINO

RANGER VARESE

PANASONIC REGGIO CALABRIA

FILANTO FORLI'

SIDIS REGGIO EMILIA

FILODORO NAPOLI

PALL. FIRENZE

42

40

38

36

34

34

32

32

32

30

28

26

24

22

22

8

GLAXO VERONA

TICINO SIENA

LOTUS MONTECATINI

FERNET BRANCA PAVIA

KLEENEX PISTOIA

TOMBOLINI LIVORNO

TEOREMA TOUR ARESE

BIRRA MESSINA TRAPANI

TURBOAIR FABRIANO

TELEMARKET BRESCIA

B. SARDEGNA SASSARI

APRIMATIC BOLOGNA

EMMEZETA UDINE

BILLY DESIO

REYER VENEZIA

CORONA CREMONA

50

46

44

42

36

32

28

26

26

26

26

24

24

22

20

8 

 

Phonola Caserta campione d'Italia dopo finali play-off contro la Philips Miliano: 99 a 90, 80 a 94, 87 a 72, 81 a 93 e 88 a 97. Retrocesse direttamente in serie A2 Filodoro Napoli e Pall. Firenze. Retrocesse dopo i play-out anche Sidis Reggio Emilia e Panasonic Reggio Calabria

Promosse direttamente in serie A1 Glaxo Verona e Ticino Siena. Promosse dopo i play-out anche Fernet Branca Pavia e Birra Messina Trapani

 

 

PLAY - OFF (OTTAVI DI FINALE) LIBERTAS

STEFANEL - LIBERTAS

LIBERTAS - STEFANEL

88-84

87-96

 

PLAY - OUT PIELLE (ANDATA - GIRONE VERDE)

TOMBOLINI - SIDIS

FERNET BRANCA - TOMBOLINI

TOMBOLINI - RANGER

TOMBOLINI - TELEMARKET

TEOREMA - TOMBOLINI

97-83

72-69

83-77

75-65

101-100 ts

 

PLAY - OUT PIELLE (RITORNO - GIRONE VERDE)

SIDIS - TOMBOLINI

TOMBOLINI - FERNET BRANCA

RANGER - TOMBOLINI

TELEMARKET - TOMBOLINI

TOMBOLINI - TEOREMA

110-93

95-81

82-74

87-89

111-117


LIBERTAS: GLI ERRORI PORTANO UNA BRUTTA STAGIONE

 

Gli errori partono direttamente dalla scelta degli americani; mentre Joe Binion si conferma, mentre,  dal lato delle guardie si alternano due americani che non si adattano alle caratteristiche della squadra guidata da Mauro Di Vincenzo. Ma egli, che doveva essere un trascinatore rimane solo un sogno.  

 

LA FALSA DI PLANSKY

 

Mark Plansky sostituisce alla quindicesima giornata il mulatto Anthony Jones incolpato di un rendimento non alla sua altezza. Plansky aveva effettuato anche un provino con la Stefanel ma era stato giudicato poco convincente. Ironia della sorte l'americano esordisce in campionato con la squadra di via Pera proprio contro la Stefanel segnando solo 7 punti con 2 su 3 da due e 1 su 3 da tre, ma, gli vengono concesse le attenuanti del debutto e gli viene concessa un'altra opportunitą contro la Scavolini. A Pesaro ottiene un'altra umiliante prova con 1 su 9 da due e 3 su 9 da tre. Quindi gli viene dato un biglietto di sola andata per gli States. Viene reintegrato Anthony Jones. 

 

NIENTE COPPA: FUORI DALL'EUROPA

 

La Libertas fallisce l'Europa per ben due volte. Il primo obiettivo per arrivare alle coppe europee, la coppa Italia, fallisce di poco perdendo alle Final Four, in semifinale, contro la Glaxo Verona dell'ex Alberto Bucci (alla fine vincerą lui la coppa Italia). Il secondo modo per arrivare in Europa fallisce perchč i gialloblu arrivano solo noni in classifica.

 

LA PIELLE: MANCA CARATTERE

 

Doveva essere la stagione del riscatto per i biancoblu di via Cecconi abbinata alla Tombolini, ma invece, si trova come ogni anno a leccarsi le ferite provocate da un campionato condotto in modo dismesso. Dopo le tragiche cinque sconfitte consecutive della gestione De Sisti la societą chiama alla guida Dodo Rusconi. Grazie al coach ex Varese la Pielle raggiunge l'obiettivo minimo che si era posta: i play-out. Nella seconda fase del campionato la squadra perde di carattere raggiungendo un epilogo amaro. 

 

FUSIONE O SINERGIA?

 

Torrida estate 1991: esplode la bomba in cittą. Appurata la possibilitą di una realtą di provincia nel gestire due formazioni ad eccellenti livelli nella massima categoria arriva uno storico e tanto odiato accordo tra Libertas e Pallacanestro. La dirigenza di via Cecconi subentra a quella gialloblu della Libertas acquisendo il titolo sportivo di A1 dando origine ad una "cosa" odiosa per i tifosi livornesi di entrambi le parti: nasce la LIBERTAS PALLACANESTRO LIVORNO. I capi storici sono Forti e Carera da una parte e Diana e Rolle dall'altra.

 

LA PIELLE RIPARTE DALLA SERIE D

 

Per effetto di questa rivoluzione la Reyer Venezia, precedentemente retrocessa, guadagna la possibilitą a partecipare al campionato di A2. La Pielle invece riparte dalla serie D con un nutrito gruppo di giovani. 

 

BORIS ABBANDONA

 

Dopo la tormentata vicenda l'ing. Boris lascia la pallacanestro. Esce di scena uno dei massimi personaggi della palla a spicchi labronica.

 

L'ACLI BASKET SFIORA LA SERIE A1 

 

Dopo un campionato passato a primeggiare, le ragazze dell'Acli arrivano ad un passo dal sogno di una promozione che avrebbe parzialmente riscattato le delusioni dell'annata maschile.

 

pag. prec.« HOME PAGE DEI CAMPIONATI | HOME PAGE | PRIVACY »pag. succ.